Tempo di Strine 

Il canto popolare della  'strina' rappresenta la traduzione in musica e versi vernacolari degli auguri  per il Natale e il nuovo anno. La strina Ŕ una delle tradizioni del periodo natalizio pi¨ vive e sentite della provincia di Cosenza. Il temine strina deriva dal latino strenna che significa dono. Nell'antica Roma il dono (strena) divento consuetudine nel periodo di capodanno. L'uso delle strenne si Ŕ tramandato di popolo in popolo fino ad arrivare ai nostri giorni. Il cosentino, in modo particolare il territorio silano e la zona del Savuto, Ŕ l'area in cui meglio Ŕ conservata la tradizione della strenna accompagnata da canti e musiche.

La tradizione si tramanda di generazioni in generazione, di bocca in bocca. Il canto, composto da strofe in rima di rara bellezza, occupa un posto importante nel vasto patrimonio folcloristico calabrese.

Brigate di compagni vanno in giro per le contrade e per le vie del paese, fermandosi davanti  alle abitazioni degli amici o dei conoscenti per augurare in versi dialettali locali, buona salute, felicitÓ e ricchezze per tutti gli elementi della famiglia.
I padroni dý casa, in segno di ringraziamento offrono vino e "cose bone".

Ogni paese ha una propria variante dei versi della strina e proprie particolari usanze e tradizioni. La "strina" a Saliano Ŕ di pragmatica nei giorni che vanno da Natale all'Epifania.

L'esibizione dura a lungo e spesso varia secondo le circostanze. Dopo una prima parte di versi augurali, indirizzati ai componenti della famiglia, ai vicini e ai parenti, si passa alla parte "interessante" delle richieste di essere invitati a mangiare. Man mano che si va avanti il canto aumenta d'intensitÓ e i sonaturi solleciano con versi molto significativi i padroni di casa ad aprire la porta- All'ultima richiesta i padroni di casa aprono la porta al gruppo che entra in casa festoso ed accompagnati da applausi.

Per approfondire: 'A Strina di F. Sansalone, e G. Sirianni - Atlantide Edizioni - 2008

Strina Salianese

senzÝ essere chiamati simu venuti
ohi simu venuti ohilÓ
cari signori siati li bon truvati
cari signori siati li bon truvati

li bon truvati sianu i gran signori
ohi li gran signori ohilÓ
comu li boni festi di Natale
comu li boni festi di Natale

chissi tri festi su li chi¨ ammaggiuni
su li chiu ammaggiuni hoilÓ
chissi ci le lassau Nustru Signuri
chissi ci le lassau Nustru Signuri

chissi tri festi si passanu cantandu
ohi passu cantandu ohilÓ
lu Pasqua lu Natale e Capudannu
lu Pasqua lu Natale e Capudannu

chissi tri festi si passanu per le vie
ohi per le vie hoilÓ
la Pasqua lu Natale e la Bifania
la Pasqua lu Natale e la Bifania

su palazziellu ha quattru spuntuni,
ha quttru spuntuni ohilÓ
quttrucentu anni campi lu patrune
quttrucentu anni campi lu patrune

u su spuntuni ca su spuntunere
ca su spuntunere ohilÓ
quttrucentu anni campi la mugliere
quttrucentu anni campi la mugliere

u palazzielluu a boni lochi Ŕ misu
a boni lochi Ŕ misu ohilÓ
chi Dio de l'ariu ci manni turnisi
chi Dio de l'ariu ci manni turnisi

chi Diu vi manni tanti buoni anni,
tanti buoni anni,
quantu a ru munnu si spannanu panni
quantu a ru munnu si spannanu panni

chi Dio vi manna tanti boni misi
tanti boni misi
quantu a ru munnu ci su sordi e turnisi
quantu a ru munnu ci su sordi e turnisi

chi Dio vi manna tanti boni festi
tanti boni festi
quannu aru munnu ci su porti e finestri
quannu aru munnu ci su porti e finestri

chi Diu vi manni tanti migliu e granu
ohi migliu e granu
quantu n'imbarca Cutro e Curiglianu
quantu n'imbarca Cutro e Curiglianu

chi Diu vi manni tantu musto e vinu
tantu musto e vinu
quant'acqua curra Savuto appenninu
quant'acqua curra Savuto appenninu

mmienzu sa casa dÝoru Űna pernice,
ohi Űna  pernice,
a  ............... a via nÝimperatrice
a ................ a via nÝimperatrice

de li piccirilli ne simu scordati
ni simu scurdati,
Űi via patruni di tuttu lu Statu

E a .............. u ce dicimu nente
u ce dicimu nente ohilÓ
patrune chi lu via de Cusenze
patrune chi lu via de Cusenze

u vi ca sinne vena pinta bannera
ohi pinta bannera hoilÓ
sa casa casa comu na regina
sa casa casa comu na regina

a na manu porta la lumera
ohi la lumera ohilÓ
a l'altra porta la galante strina
a l'altra porta la galante strina

signu venutu all'ottu di Natali
fanni la strina chi ni soli fari
fanni na strina e falla di prisuttu,
falla di prisuttu,
si ŰunnÝhai curtieddru dunanilu tuttu.

u ve spagnati ca nu simu assai
ca nu simu assai ohilÓ
ca simu trentatrie e ru cantature
ca simu trentatrie e ru cantature

sientu nu strusciu a ru tavulutu,
de lu tavulutu ohilÓ
Ŕ ru patrune chi taglia la supressata
Ŕ ru patrune chi taglia la supressata

sientu Űnu strusciu de lu tavulinu,
de lu tavulinu ohilÓ
Ŕ Űra patruna chi pripara lu vinu
Ŕ Űra patruna chi pripara lu vinu

ca nue venimu de moltu luntanu
ohi moltu luntanu ohilÓ
attentu a nu ni mannare alla funtana
attentu a nu ni mannare alla funtana

forza cumpagnu mio ma sacci dire
ohi ma sacci dire ohilÓ
ca chissa casa a nue u ne p˛ fallire
ca chissa casa a nue u ne p˛ fallire

via cumpagnu mio ma sacci fare
ohi ma sacci fare ohilÓ
ca chissa casa a nue u ni p˛ mancare
ca chissa casa a nue u ni p˛ mancare

faciti prestu e nu tardati chiudi ohilÓ
faciti prestu e nu tardati chiudi ohilÓ
ca de lu friddu ne su morti dui
ca de lu friddu ne su morti dui

forza cumpagnu mio sbruga sa vuce
ohi sbruga sa vuce ohilÓ
c'haiu vistu lu lustru de la luce
c'haiu vistu lu lustru de la luce

ohi ca fattu a nive allu Caritu
ohi allu Caritu ohilÓ
chi Dio ti guardi su bonu maritu
chi Dio ti guardi su nonu maritu

ohi ca fattu a nive alla muntagna
ohi alla muntagna ohilÓ
chi Dio ti guardi sa bona cumpagna
sa rosa russa chi teni alla banna
sa rosa russa chi teni alla banna

scusati genti si lu spostu Ŕ poco
si lu spostu Ŕ pocu
ma avvimu da adimpire ad atri lochi
ma avvimu da adimpire ad atri lochi

scusati genti si lu spostu Ŕ nente
si lu spostu Ŕ nente
ma avvimu da adimpire ad atra gente
ma avvimu da adimpire ad atra gente

canta ru gallu e scuotula Űre pinne,
scuotula Űre pinne,
vi damu Űa bona notte e jamuninne

ma nui restamu finu a ra matina,
finu a ra matina,
si prima nuÝmangiamu e nun vivimu

dintru nu bucu Ŕ fuiuta na gatta
Ŕ fuiuta na gatta ohilÓ
apriti la porta ca la strina Ŕ fatta
apriti la porta ca la strina Ŕ fatta

 


Videoclip 1:

 

Videoclip 2:

 

Videoclip 3:

 

strina Saliano live (mp3 10 MB)

Note